PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Me

Escluso dal gruppo perché non mi drogavo,
e forse perché studiavo e non fumavo.
Eppure ci provavo ma non cambiavo,
quello che mi circondava non m’interessava,
quello di cui mi nutrivo non mi sfamava,
e quella che mi interessava non mi guardava,
non sapevo se ero io quello che sbagliava,
ma ero io quello per Londra da solo camminava.
E naturalmente tutto questo non mi bastava,
non bastavo io e la mia media sudata, non regalata,
che poi a scuola ero bravo
ma chi mi giudicava non mi stimolava a cambiare questa vita che non decollava.
Io non sono un cantante di professione
Faccio lo studente ma non s’intende letteralmente,
non sono un figlio di papà e nemmeno un poeta,
ed in questa società che improvvisando qualche rima baciata
aspetto la mia fata,
che mi cambi la vita con un colpo di bacchetta,
e che se ne fotta della marca e della taglia della mia maglietta,
che riempia la mia testa come il suono di un’orchestra,
che mi dia l’aspirina e che mi stia vicina quando o mal di testa,
e che quando torno dal lavoro mi faccia la festa.
Ma ancora la mia fata non l’ho incontrata,
e se è come dice fabri fibra forse me la sono giocata,
e se non è così spero di non averla spaventata,
o di non essere sceso alla fermata sbagliata,
perché la vita è lunga e non voglio che sia sprecata,
o che faccia la fina di quella promessa di carta, riciclata.
Voglio fare grandi cose rimanendo me stesso,
senza dimenticare quelli che mi lasciavano l’osso.
Ma con un sforzo immane rimanere immune
Dal nuovo modo di pensare e da ogni luogo comune,
rimandendo incolume alzando al massimo questo cazzo di volume,
che mi sfondi le orecchie e mi mandi all’ospedale,
perché peggio di così non credo possa andare,
ed almeno così non sentirò più le voci di chi parlava,
do chi mi giudicava e nel mio piatto sputava.
Voglio godermi la mia vita ed ogni suo secondo,
conducendo il mio show in questo cazzo di mondo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 02/06/2011 18:57
    Stupenda
  • Miki Leroy il 03/09/2010 12:43
    Quel tuo senso di inadeguatezza, rispetto al mondo che ti circonda è normale se sei una persona sensibile e viva! (citando Caparezza) "Mi fanno sentire vivo, in mezzo a troppi zombi da Resident Evil"
  • Stella Spina il 25/01/2010 16:53
    È maledettamente bella. Bravissimo.. È difficile essere diversi dagli altri, alla fine ci si ritrova ad essere giudicati solo dalla media scolastica, quasi come se tutti fossero dei numeri. Condvido a pieno.. sei una persona speciale.. Passa a leggere le mie poesie e se ti va contattami.. in fondo è complicato trovate qualcuno con cui condividere questo mondo che abbia appena 3 anni in più di me.
  • Anonimo il 28/11/2009 13:05
    Per carità... Mi meraviglio soprattutto dei commenti...
  • Cinzia Besaldo il 11/11/2009 16:58
    non lasciare mai a nessuno il posto da conduttore nel tuo show... neanche alla fata se la trovi... magari co-conducete che è l'apoteosi. Bravo per aver sfidato le critiche e gli sguardi.
  • Francesco Scardone il 09/11/2009 12:30
    La versione da pseudo-ribelle di Gigi D'Alessio... bah...
  • Anonimo il 04/11/2009 22:29
    Che bella. Mi è piaciuta moltissimo!!!
  • Anonimo il 21/07/2009 16:07
    Alla faccia degli invidiosi ti appoggio in pieno viva la vita
  • Anonimo il 20/07/2009 00:32
    bellissimo grido di dignità... e per fortuna che c'è ancora qualcuno che lotta per restare fedele a se stesso senza indossare maschere di ipocrisia
  • Anonimo il 19/07/2009 23:39
    I Re fusi sono parte di "Me" nei quarantaquattro passi di strada sudata in salita. Bestemmiando inutilmente scendo alla fermata riciclata di promesse. Alzando le orecchie chiudo l'occhio e ascolto questa cazzo di musica che mi piace e mi dà pace.
    Molto gradita.
    nel
  • Vincenzo Capitanucci il 19/07/2009 23:30
    Voglio fare grandi cose rimanendo me stesso...
    è la via giusta... prima o poi paga... la fata uscirà... come d'incanto... intanto goditi ogni secondo... di questo cazzo... di mondo..
    Piaciuta... 3 1 3 1... cazzo.. è un numero...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0