username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quella notte II

Ho indossato, quella notte
Il tuo pallido corpo
Come una corona di spine
Aguzza di dolci peccati

Ho cercato in te
Una fuga, un desiderio

Ho trovato in te
Un gemito, un sorriso

Ti sei appropriata, quella notte
Del mio corpo, cannibale
Della mia anima, Dea
Del mio sangue, vampira

Mi son lasciato possedere
Chiusi gli occhi

Mi son lasciato prendere
Credo d’aver sorriso

Sentii il tuo sguardo, quella notte
Le tue unghie graffiarmi
I tuoi denti mordermi
Il tuo desiderio uccidermi

Sei stata per me
La sensualità d’una cicatrice

Sei stata per me
Un sorso del miglior assenzio

Mi hai usato, quella notte
Fatto di me un oggetto
Son stato una meretrice
Ruolo a me conforme

Quella notte, io
Nell’oscurità ho amato
Il tuo divorare le mie carni
Cannibale!

Quella notte, io
Nel silenzio ho amato
Il tuo abusare della mia anima
Dea!

Quella notte, io
Nel dolore ho amato
Il tuo godere del mio sangue
Vampira!

Quella notte, io
Ho amato
Ho amato il tuo corpo
Ho amato il tuo odore
Ho amato il tuo sguardo
Ho amato il tuo respiro
Ho amato il tuo peccato
Ho amato
Quella notte
Per quella notte
Sei stata la mia amata
Ed io la tua puttana

 

2
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 27/06/2013 10:53
    Versi di grande potenza evocativa, dove la sensualità e la passione hanno prevalso su tutto il resto. Traspare, tuttavia, la sofferenza dell'anima.

6 commenti:

  • marcella vitelli il 17/11/2009 12:01
    Traspare l'intensità delle emozioni e forte sensualità. Bravissimo, molto bella.
  • Shabui. il 28/07/2009 19:04
    Caro Ignazio,
    come dici tu, non è mai un insieme di cose ovvie ma, anzi, ogni volta ci stupiamo di ciò che riusciamo a provare.
    Grazie del confronto, apprezzo.

    A presto.

    Shabui
  • Aedo il 27/07/2009 23:57
    Una poesia bellissima, dalle tinte forti, che trasmettono vere emozioni: in fondo l'amore non è un insieme di cose ovvie, ma l'esplicitarsi di un viaggio nell'anima, dove si incontra non solo estasi, ma anche sofferenza, passione, ricerca perduta. Solo i veri folli sono capaci di provare sensazioni simili. Bravissimo Shabui!
    Ignazio
  • Donato Delfin8 il 20/07/2009 11:35
    Bella.
    Almeno qui ci sono certezze.
  • Vincenzo Capitanucci il 20/07/2009 07:35
    Molto.. molto bella Shabui... ho trovato in Te... un gemito... un sorriso... e credo di aver sorriso...
  • Anonimo il 20/07/2009 00:34
    5 stelle per intensità di emozioni

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0