accedi   |   crea nuovo account

Zi prete

"Viè avanti fijolo che te se smove?
Er diavolo è tentatore ce lo sò!
'Gni giorno sò prove nove".

"Che dichi hai magnato de gola da tu zia?
Nun è creanza te assorvo,
pe tre ave Maria"

" Nun è peccato si lavannote te tocchi,
ma solo si lo fai de niscosto.
Te assorvo si stasera a li rintocchi,
me preghi rimettenno tutto a posto".

"Si sei puro n'tera poi aspirà ar paradiso.
Fra l'angeli der signore te ce vedo,
ali ar collo, beato, tutto 'n soriso.
Pe sicurezza prima de dormì dì quarche credo"

Sortito sò rientrato pe 'n antra assoluzione.
Nun lo trovo quattro canasce ar tavolino,
la perpetua chiapp'all'aria sotto genocchione.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • sabrina balbinetti il 20/07/2009 22:20
    a quanto pare sei peggio di me... non perdoni nssuno con le tue poesie!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0