accedi   |   crea nuovo account

Siria

Tutto tace, in Siria
Intorno il deserto silenzioso trasuda magia
La luna vi getta i suoi riverberi diafani coinvolgendo l'intero luogo
Deformando anzi trasfigurando lo scenario
Così che gli occhi rinascono in una nuova essenza
Sino a quel momento ignorata, aliena

Le tombe ancestrali succedono agli arbusti
Plasmando non ombre ma aloni di ignota natura
Capaci di inebriare quanto di celato possiede l'inconscio
Travolgendo l'essere in un vortice di turbamenti
E ci si sente confusi, impressionati, commossi
Nel sentire che tutt'intorno traspare una realtà nuova
Così lontana dal discernimento umano
Che fa fremere il sangue e magnificare lo spirito

Le colonne silenti di Apamea esalano onde incorporee
Andando enigmaticamente a confondersi col paesaggio lunare
In un giubilo di caleidoscopiche proiezioni oniriche

Avverto di essere parte di sconfinati misteri
Non solo del creato intero ma anche dell'umana mente
Che quasi inconsapevolmente ne compenetra la grandezza
Facendo per un attimo vacillare tutto ciò che siamo

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • karen tognini il 22/12/2009 15:33
    bella, sognante...
  • Anonimo il 20/07/2009 00:36
    bellissima ben scritta piaciute atmosfera e sensazioni
  • Vincenzo Capitanucci il 19/07/2009 23:44
    Grazie del passaggio... Linda... un bel viaggio...
    il deserto trasuda magia... traspaiono nuove realtà... magnificanti lo spirito... onde incorporee... paesaggi lunari... sconfinati misteri... sogni... paesaggi... miraggi... per un attimo... tutto in me vacilla...
    Molto bella... un'orgia per i sensi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0