PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L’ultimo segreto mette fine ad ogni dualismo

Oggi
mi sono alzato di luna s-torta

capita anche nel fiume dei l-u©ci

vi svelerò l’ultimo segreto

nella nostra suprema natura
si-amo Lui
quando si è
devoti Amanti

in un perfetto presente dai doni d’Amore

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • cesare righi il 20/07/2009 19:03
    Ciao Vince, sempre 5st. Leggo una tua poesia e scopro mondi sconosciuti, viaggio dove non avrei mai osato, e sai una cosa: mi ci trovo bene...
  • loretta margherita citarei il 20/07/2009 14:55
    siamo doni d'amore bellissima
  • Anonimo il 20/07/2009 11:53
    Oggi pomeriggio devo andare a Milano, per farmi aggiustare un dente davanti del dentierone di plasticona che mi sono ingoiato e che mi sta masticando l'intestino.
  • Anonimo il 20/07/2009 11:45
    A rigore, Vincenzo, è necessario ricordare che la pretesa dicotomia tra relativo e Assoluto non è, in realtà, una contrapposizione di poli in opposizione e complementarità tra loro, perché non può esserci opposizione né complementarità tra ciò che è limitato e ciò che non ha limiti né costrizioni di sorta. La specularità, quindi capovolgimento, che vede la realtà relativa essere il riflesso di quella assoluta, vuole che essa sia un'emanazione e non una divisione dell'Assoluto che, in quanto tale, non può dividersi se non illusoriamente per gli esseri che, dal loro punto di vista limitato, la intendono come una divisione. L'Assoluto, non potendo avere nulla al di fuori di Sé non ha, per questo, nulla che può contraddirlo e quindi non può avere opposizioni di sorta se non negando la propria infinità. Per questa ragione sia la metafisica, che è esoterica, che le religioni exoteriche si dicono "non duali". Ciao Vince, prima o poi ci conosceremo di persona, ma non vorrei mortificarti immaginando che, alla tua età, avrai la pancia sporgente, un girovita da camera d'aria di autoarticolato, e dei capelli lunghi di una volta conservi tracce che evocano la città di Pompei, nella sua parte ancora sepolta...
  • Anna G. Mormina il 20/07/2009 11:14
    ... la 'luna storta', caro uccio, non impedisce di amarLo... anzi!!!!
    Bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0