PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LA CORUNA

Tramortiti dalla luminosa luminosità
dissetiamo l’arsura di conoscenza
felici di una gioiosa rassegnazione
per ciò che sai durerà ben poco.

Improponibile definire cosa è meglio:
se la donna spagnola o il pulpo gallego,
per fortuna non si escludono a vicenda
entrambi promuovono calienti sensualità.

La gente s’accoda dinanzi ai locali
impaziente, come noi tre, di scatenata movida
la musica rimbalza nel ghiaccio dei bicchieri
e la notte insegue un magnetico baluginìo.

La gelida spiaggia del mattino t’invoca
ma tu non rispondi imprendibile irrequieta
lo scoglio divora i miei silenzi
meno male che due amici mi sorreggono.

Finisterre è il confine ultimo, la mèta di domani,
così, per sentirci vivi e isolati dalla storia.
La terra brucia illuminando i solchi della notte:
purgatoriale, come la prima bufera montaliana.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0