PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Illusione cosciente

Dovrei dormire,
ma non ho sonno.

Dovrei soffrire,
ma nulla duole.

Dovrei stupirmi,
ma tutto attendo.

Un tempo avrei forse
cercato riposo
nelle candide lenzuola
e nascosto
i noccioli delle ciliegie
sotto al cuscino
assaporando nel veleno
il dolciastro sapore.

O forse avrei vagato
nelle inesplorate terre,
inventando frutta rossa
sui rami d'inverno.

Ma ahimè
più non ho da sospirare
se ancor
mi piace osare
e di acerbi corbezzoli
le labbra riempire.

E se del mio oro
non sanno maturare,
di certo non posso
mentire:
innocente
è la madre
che li ha visti
sbocciare.

(10 gennaio 2001)

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0