accedi   |   crea nuovo account

Come dolore

Come dolore dal cielo venuto
Sorpreso di trovare tanta ingenuità
Sulla quale banchettare.
Come dolore che ha coperto col velo
Il suo viso lubrico e impunito
Dalla notte dei tempi
Fino all’altra notte angosciante e odiosa.
Sta in ogni addio un profumo di morte
Che avvolge il nostro essere labili

Come dolore anche tu sanguinerai via

Come dolore che abbiamo ritenuto
Prigioniero nei cuori dei soli infelici
Pagandone poi l’arrogante errore.
Come dolore scagliato nel fango
Ripudiato piangendo: è l’ultima volta!
Come dolore coltivato per ore
Tra il sonno e la veglia
Tra l’odio e l’amore.
Sta in ogni incontro il principio della morte
Che avvolge il nostro essere uomini.

Come dolore anche tu sanguinerai via

Come dolore fuggito dall’altare
Di un Dio incerto
E un po’ ingenuo.
Cade beffardo l’iniquo
Pioggia di sangue
E ride alle ombre tremanti
Nell’attesa dei corpi
Già impiccate al marmo funebre.

È ovvio che come dolore anche tu sanguinerai via (da me).

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 17/04/2009 18:53
    piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0