accedi   |   crea nuovo account

Creazione

Nell' ottavo giorno
della settimana oscura
le anime crollarono
e non trovarono pace
i sentimenti più profondi
e veritieri
reali
personali
tratteggiati nell'intimo
di una sera candeggiata
risucchiate le aspirazioni
dei più, dei bisognosi
dei folli e dei pericolosi
collane di odio
collane continue
e senza fine
le catene percorse
da impeti di rabbia
e sassi lanciati
addosso
per cadere e sprofondare
sempre più
nell'accettazione
e tutto nato
per disperdersi
come polvere
non cè la possibilità
di poter rimanere
in eterno
e se anche l'amore
finisce
a che serve vivere
in eterno
immortali sono i soli
gli emarginati
perchè non possono
assaporare il gusto
delicato
del vivere

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 26/05/2016 14:39
    apprezzata... complimenti.

5 commenti:

  • Marco Ambrosini il 29/07/2009 16:22
    una vita senza amore, anche se infinita, non ha alcun senso. Bravo
  • Andrea Ortelli il 25/07/2009 13:18
    BELLA VERAMENTE
  • Vincenzo Capitanucci il 24/07/2009 07:04
    La caduta dell'ottavo giorno... la transumanza del nono... la perfezione nel Decimo..

    Bravissimo Aleks... l'Amore non ha fine... crea l'azione...
  • Anonimo il 24/07/2009 00:01
    profonda e capace di far riflettere... trattenuta
  • Fernando Biondi il 23/07/2009 19:20
    è vero vivere in eterno non serve, ma morire il più tardi possibile si, scusa la battuta, l'importante è vivere profondamente e fini in fondo ogni istante, della nostra vita, poi si vedrà

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0