PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sistemi di potere

Lo scrittore non ha bisogno di un editore
ne il Pittore di un gallerista
Lui è l’artista
puoi sempre pubblicare in bianco le pareti esposte delle tue pagine vuote

L’uomo non ha bisogno di una chiesa

a me basta in uno specchio guardare gli occhi miei
e sedermi nel mio infinito a guardare il mare

ma la chiesa dei suoi fedeli per mantenersi
in vita

ormai ci vendi solo cose morte in un piagnisteo di pianti di un glorioso aldilà

caro Giuda la vera comunione mangiando e bevendo pane e vino è una cena fra amici parlando e scherzando con il Divino Amico

se io rimettessi i miei soldi
sotto il materasso

tutte le banche nel giro di poco tempo chiuderebbero

non potresti più prestarmi i miei soldi facendomeli strapagare

il mondo va in questo modo
in sistemi di valori capovolti

meno male

dove non lo so
ormai il male è dappertutto

da qualche parte c’è l’Amore

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anna G. Mormina il 24/07/2009 16:38
    ... si che c'è l’Amore,... è in quello specchio, in quei occhi che vi si riflettono, è guardare l'immenso mare, è dare/ricevere un sorriso...

    ... bellissima, bellissima!!!
  • cesare righi il 24/07/2009 10:47
    Vince non vorrei diventare noioso, quindi non metto le stelle, ma tutto ciò che hai affermato in questa poesia lo condivido e lo sottoscrivo.
    Togliamo i soldi dalle banche!!! Ci sono andato urlando: VOGLIO TUTTI I MIEI SOLDI, mi hanno detto che erano rimasti 75 euro, poi le spese di tenuta conto, interessi passivi, libretto, eccomi qua con tutti i miei averi: 27 euro. Viva l'amore
    ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0