accedi   |   crea nuovo account

Guardando un dipinto - Omaggio a Mery Cassatt e Berthe Morisot

Sotto il bel cielo...
La vastità del mare...
È superato il ponte:
Luminoso il mattino;
leggera va la barca,
fra un tremolio di onde.

Riflessi azzurri,
riflessi d'oro fino...
Placido nella culla
è un bel bambino.

E vogano due donne:
Un po' l'una, un po' l'altra,
lo sguardo lor posando
sul tenero fagotto.

E crescerà quel bimbo:
Ricorderà da adulto,
forse con un singulto,
chi lo accostava al petto.
Dicendo: “Pargoletto,
chiamami sempre zia. ”

Sempre un bambino,
piccino o fanciullo,
fu nei tuoi sogni rosa,
dolce Mary.

Ma chi è l'altra donna?
Chi fosse io non lo so,
ma sto pensando a lei,
la dolce Morisot.

Berthe... E Mary,
amiche e, al tempo, sorelle.
Berthe fu genitrice;
invece, Mary, no.

Mamma o non mamma,
ciò che importa
è amore.

Dai vostri dipinti,
o pittrici, l'amore traspare:
Su prati di smeraldo,
su miti marine,
sullo splendore di una
bianca culla,
ovunque...
Ovunque ci sono bambini
per chi li sappia amare.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 24/07/2009 20:50
    Bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0