accedi   |   crea nuovo account

Quello che la ragione non coglie

Sento parole
che la ragione
non ode
e profumi
che la mente
non coglie.

Mi commuovo
al pianto
degli esili steli
dalle brezze
chinati al suolo.

Condivido
la furia del mare
quando rivolta
la terra.

Posso riempire la bocca
con l’aria fresca
e sentirmi sazia
all’unisono con il sole.
Posso vedere la luce
dove gli occhi
trovano tenebre
e mutare
il sogno in veglia
quando compare
il primo chiarore.

Posso calpestare sentieri
intangibili ai passi
e dominare
infiniti spazi
che la terra ignora.

Spezzatemi le ali
dell’anima
spogliatemi
se volete
che smetta
di volare.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ANGELA VERARD0 il 27/07/2009 14:43
    Grazie Vincenzo e Alfonso... e non preoccupatevi anche se le spezzano, ricrescono sempre le ali
  • Anonimo il 27/07/2009 13:07
    Non smettere mai di volare, quello che scrivi è sempre molto bello pieno di te e di sentimento
  • Vincenzo Capitanucci il 27/07/2009 09:53
    Molto bella Angela... spezzatemi le ali... incatenatemi alle nubi... se no volerò sempre.. fuor dalla ragione...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0