PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L’oceano di vita

Quando avrai bruciato sul pontile del tuo corpo tutti gli ormeggi
non avrai più orme da seguire nel cielo
solo qualche rara ala di solitari gabbiani ti darà silenziosa compagnia
solo incomunicabili desertiche onde rotolanti sul fianco martoriato d’una sirena
Tu in ultima lacrima vorresti guarirla

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 28/07/2009 01:22
    .. e il tuo viaggio continua Vincenzo.. senza più orma.. un unica traccia da seguire
    fra ali di solitari gabbiani.. un ultima lacrima per riscattare..
    splendida
  • Anonimo il 28/07/2009 00:21
    superba
  • Aedo il 27/07/2009 23:50
    E il viaggio continua verso i lidi dell'impossibile, grande capitano!!! Bravissimo!
    Ignazio
  • Anonimo il 27/07/2009 22:38
    Meravigliosa.
  • Anna G. Mormina il 27/07/2009 18:25
    ... con una semplice lacrima, si può donare un'oceano di vita...
    ... splendida, bravo!
  • cesare righi il 27/07/2009 17:08
    da brivido, Vince. Le orme del cielo... le rare ali di solitari gabbiani e l'ultima lacrima...
    riscattare tutta una vita con l'ultimo atto d'amore. Che bella.. non metto stelle sciuperei la poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0