username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La sveglia

Neri, dal becco giallo
melodioso il fischio
i merli acclamano al mattino che ritorna,
lo trascinano sugli aranci intenti a rifiorire
sull’inverno che sta per finire
e mi danno la sveglia.
Oltre che il nero,
per dispetto sfoggia il suo piumaggio grigio,
bianco di riflessi verdi
e vanitosa, la pica sorveglia il prato
vogliosa d’ogni cosa che brilla
e mi sveglia.
Odioso di cimitero il canto,
pur sacra ad Atena,
la civetta zampetta sulla mia loggia,
fa parapiglia e strilla
e, tediata la notte,
prillando il collo se ne sale in fretta,
dal tetto fugge il mattino
tirandomi dal letto.
Intanto, stanco e stordito
per non aver dormito
appanno i vetri sorseggiando il caffé
e sbadiglio guardando che ora è.
(2005)

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Giuseppe Tiloca il 09/09/2009 09:45
    Inizia un nuovo giorno, una parte di vita da scrivere. La sveglia, come di ogni mattina, che mi annunciavano i grilli, (anzichè i merli) era bellissimo. Di solito, d' estate, dormivo dalla mia carissima nonna e, li, era diverso: La mattina ti alzavi riposato e, poi, ti alzavi coi raggi del sole che entravano dalla finestra e, i canti leggeri e melodiosi della natura in cui io mi perdevo... però poi dovevo alzarmi, il lavoro...
    Eh già! Ciao Ugo, Giuseppe
  • M. Vittoria De Nuccio il 23/08/2009 10:45
    ... i merli acclamano al mattino che ritorna... bellissimi versi, la minuziosa descrizione fa sì che leggendola si possano percepire le stesse emozioni.
  • Anonimo il 28/07/2009 16:30
    Semplicemente favolosa
  • Anonimo il 27/07/2009 22:17
    Bellissima.
  • Anonimo il 27/07/2009 22:11
    Quando leggo le tue poesie mi sento a casa: il tuo giardino è curato e molto animato. Per questo in molti amaiamo soffermarci per gustare insieme a te il Paradiso in Terra, molto fertile la tua... bellissima...
    alla quale non aggiungo nessuna sveglia perché in lei tutto si compie... al naturale...
    Un abbraccio e un sorriso.
    nel
  • Cinzia Gargiulo il 27/07/2009 20:45
    Ugo io devo regolare la sveglia tutte le sere per non far tardi al mattino al lavoro., tu hai una sveglia naturale...
    Bellissima poesia, sembra di sentirli questi uccelli!
    Bacioni...
  • Anonimo il 27/07/2009 19:23
    Bellissima Ugo, il mio giardino è come il tuo e ospita questi bellissimi uccelli, che incuranti dell'ora, cominciano la loro giornata cantando e ti mettono indubbiamente di buon'umore, anche se ti lasciano assonnato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0