accedi   |   crea nuovo account

Correzioni senza fine in un’Alba di Geni saltando in Amore nell'origine dell'essere

Devo sempre alzarmi
sulla punta dei piedi

toccare il cielo
per correggermi

sembro una ballerina
di danza classica

un esile fiore
danzante
fra i suoi petali
la coreografia
di un celeste
canguro

di una mente creativa procedente a balzelli

inseguendo correndo dietro senza un fine di perfezione
a un re aborigeno

nudo

per tornare all’alba dell’amore
nell’origine dei suoi geni

sfiorando con un dito anima-le- la p-orno-grafia scritta da una luminosa Vita graffiante i suoi Templi naturali con un unghia di tempo senza tempo

nell'Arte del Sogno

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 28/07/2009 16:16
    .. carissimo Vincenzo riesci a ricamare ogni cosa.. con una grazia e una bellezza
    incredibile.. anche un fiore stanco diventa con te una orchidea di luce con petali
    danzanti l'alba dell'eternita'..
    bellissima
  • Anonimo il 28/07/2009 14:12
    assolutamente da trattenere
  • Anonimo il 28/07/2009 11:01
    Con un dito la tua anima orna graficamente la nudità di un essere rendendola un'opera d'arte che, seppure descritta con parole, disegna ha una configurazione celestiale.
    Sei un maestro Vincenzo, complimenti vivissimi.
    Vito
  • Anna G. Mormina il 28/07/2009 10:40
    ... ogni giorno che passa, ci rendiamo conto di non essere perfetti, e che dobbiamo correggerci se vogliamo 'tornare all’alba dell’amore'...
    Vincenzo, è bellissima!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0