accedi   |   crea nuovo account

A Margherita, sorella di Giovanni Pascoli

Margherita, Margherita,
come un fior di primavera,
di rugiada asperso il cuore...
Hai un fermaglio tra i capelli
che discendon sulle spalle,
hai un cestino da lavoro,
un ditale tutto d'oro
e una culla bianca...

Su una seggiola tu siedi;
la navetta va leggera
ed i sogni tuoi conduce...

Ma, mentre sogni,
mentre realizzi i pizzi,
volto lo sguardo al
tenero angioletto...
Un colpo di tosse,
trafigge il tuo petto.

E trasalisci:
“Perché non va via,
questa tosse?
Che cosa vuol dire? ”

Ma poi...
Ricomponi i pensieri
e, a te stessa,
dici che sei forte.

Sollecita, accorri
al bimbo che vagisce
e non cerchi la mamma,
la mamma che già soffre.

Sollecita, accorri...
Sollevi il fratellino:
lo lavi, lo asciughi,
ne cambi le fasce;
di talco lo cospargi.

O, Margherita,
amore filiale,
amore di sorella,
è nel tuo giovane
cuore.

Dorme, ora il bimbo:
sogna il canto di mamma,
di quando Ella era in
salute.
Sogna il viso di bimba,
le mani minute...
Le mani virtuose
della sua candida
sorella.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 17/05/2011 09:08
    "o, Margherita, amore filiale, amore di sorella,è nel tuo giovanecuore"
    bellissima giuseppina... commovente
  • Vincenzo Capitanucci il 02/08/2009 10:12
    Bellissima Giusi... la mamma già soffre...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0