PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Castelsardo

Amate ed offese
sterpaglie dorate
ornano il pendio
che insegue il mare;
macchie smeraldo,
di coriacei cespugli estivi
sfidano l'astro d'oro
nel vivere vita eroica.
Ataviche brune pietre
testimoni di vulcanici eventi
proteggono
l'arduo viottolo che si tuffa
in spumoso mare
d'azzur cangiante... e li
cominciano a salire
in ordinata schiera
dimore allegre
di morbidi pastelli
novel cintura, a guardia d'antico
CASTELSARDO
domina la storia
il nuovo
e quello che sarà.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • ignazio de michele il 22/02/2012 14:32
    luoghi e paesaggi senza tempo... ottima stesura!
  • Dolce Sorriso il 01/08/2009 22:52
    bella descrizione di un bellissimo borgo
    bravo!
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 01/08/2009 13:50
    mi ricorda Montale nei suoi suoni duri.
  • Anonimo il 01/08/2009 10:48
    È stupenda nel suo essere descrittiva. Pesia d'ambiente, di luoghi e segreti rifugi paradisiaci, naturali..
    Complimenti, Marcello
    .. emy
  • Anonimo il 31/07/2009 18:20
    bellissimi versi.. dedicati ad uno dei borghi più belli italia.. perla sarda
    di antichi passaggi... memorie antiche custodite in un castello.. fra l'azzurro
    mare che fa da cornice..
    ciao Principe
    Aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0