PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Carso

Si alza, lentamente e profonda,
la nebbia silenziosa, umida,
bagnata da mute gesta, di
quei piccoli uomini, venuti
da lontano, alla difesa
di questo piccolo monte,
baluardo di quell'Italia
morente, vuoto come
le caverne di questo
Carso che nulla può
offrire. Solo la morte
e la storia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Mimmo Rossi il 10/05/2011 01:46
    complimenti, ottima lirica. m'ha fatto venì i brividi
  • silvia leuzzi il 19/04/2011 23:26
    In un momento storico tanto corrotto e ignorante una lirica che rievochi il dolore e la morte di tanta gente dietro ad un ideale di patria, che oggi rozzi e bifolchi cercano di rubare e stracciare, è più che mai importante.
    Quel Carso però così vuoto, " che nulla può offrire " quell'Italia morente altro non sono che lo specchio di questa sporca guerra di fango che ci insozza l'anima, strappandoci la speranza. " Solo la morte e la storia "
    Molto intensa
  • michela salzillo il 14/03/2011 20:35
    L'italia: storia, tradizione, passione.
    La tua poesia mi ha indotto a riflettere su queste tre parole.
    Bravo!
  • Giuseppe Tiloca il 09/08/2009 10:02
    Deve essere un posto bellissimo, ricco di testimonianze, ricco di vita... lì ogni singolo sasso ha visto la storia dell' Italia, le morti, le battaglie. Bellissima, nei preferiti. Ciau!
  • Anonimo il 04/08/2009 17:45
    giuze...
    ci son nata e cresciuta... le sue rocce calcaree nascondono sangue e lutto.. dentro nel profondo... gole come foibe...
    all'esterno ha la magia di colori, profumi... sapori... di mare e pietra inconfondibili...
    bella giuze... da brivido...
  • Giuseppe Bellanca il 31/07/2009 21:00
    Grazie Maria Teresa, Ignazio, Aurora e Anna del vostro gradito commento. ciao.
  • Giuseppe Bellanca il 31/07/2009 20:57
    Maria Teresa, conosco il Carso ed i suoi colori, ma la mia è dedicata a tutti quei partigiani venuti da tutte le parti d'Italia "che per amor di patria" offrirono la vita per contribuire alla difesa di un Italia depredata dal nemico, uomini con un nome inciso nella pietra a ricordo del loro sacrificio.
  • Dolce Sorriso il 31/07/2009 20:05
    rimarra sempre nrlla memoria... bravo Giu bella poesia
    smack
  • Anonimo il 31/07/2009 18:01
    .. bella Giuseppe.. un viaggio che ho fatto l'anno scorso.. molto toccante
    .. offre quella terra.. la storia.. patromonio della nostra memoria.. da non dimenticare
    Aurora
  • Aedo il 31/07/2009 17:59
    La tua poesia si può definire per certi versi una rievocazione storica, per altri una riflessione sulla condizione umana. Mi è piaciuta.
    Ciao
    Ignazio
  • terry Deleo il 31/07/2009 17:23
    Il Carso, mi spiace contraddirti, offre un arcobaleno di colori, persone rinate da energie nuove che vivono pienamente il presente avendo imparato la lezione del tortuoso passato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0