accedi   |   crea nuovo account

Notturno

A notte fonda
in una solitaria selva arde la luna,
immobile nel cielo,
solidale
con le fiamme del mio cuore.

L’anima,
obliviosa ed oscura,
il nulla brama
nel pallore della sua ombra,
scìa di un antico dolore.

Come la pioggia,
ricoprendo le nostre mani nude,
così il pianto avvolge gli occhi tuoi,
splendenti
di un umido piacere.

I nostri sguardi
si sfiorano nel delirio
di una visione
incerta,
dagli indefiniti contorni.



Si consuma
la tua bocca nell’ardore
del desiderio,
si protende per catturare
un’eterea immagine.

Immagine di me,
delle mie mani che cingono le tue,
dei miei occhi che ti cercano,
della mia bocca che vorrebbe
e che inutilmente resiste.


Di me che Ascolto,
di me che Tremo,
di me che.. Oso.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Enrico Ferrini il 13/09/2010 20:05
    mmm... confesso che mi ha conquistato sempre di più, andando avanti nella lettura. Unica pecca: non ho amato lo scadire ogni scena in una strofa
  • Anonimo il 11/08/2009 00:47
    Notturno che accende la mia anima...
    Bella complimenti
    nostalgica e un romanticismo che incanta
    Ciao
    Angelica
  • Aedo il 02/08/2009 23:55
    Notturno sensuale e affascinante.
    Ignazio
  • Anonimo il 02/08/2009 20:23
    Bella.
  • Anonimo il 02/08/2009 19:02
    malinconiche e romantiche immagini...
    bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0