PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ad un Sacerdote innamorato

non voglio perderti
è questa la mia spiaggia
il mio destino cercato
il mio canto preferito

non voglio perderti
cercandoti in un'altra
rompendo il tuo silenzio
... vacanza dalla vita

non voglio perdermi
senza poter tornare
giocando a farle male
... e negare il vero Amore

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 23/08/2009 10:08
    Complessa poesia, complesso argomento.
  • Anonimo il 06/08/2009 17:16
    non mi definisco una persona religiosa, però anch'io penso che un prete non debba sposarsi e non sono d'accordo con chi afferma che se lo facessero sarebbero più vicini ai problemi della coppia e della famiglia.. come a dire che un medico, per saper curare le malattie deve averle provate.
  • Anonimo il 05/08/2009 15:53
    .. mi era sfuggita Fabrizio.. bella e bravo tu a descrivere cosi bene
    un conflitto interno..
    Aurora
  • Fabrizio Martello il 05/08/2009 08:45
    ringrazio per l'interesse e la franca originalità Fiscanto... ma le cose sono un po' più complesse di come l'irrequietezza umana vuole far apparire. Il vero Ristoro, il vero Amore, la vera Felicità non sono prerogative umane. Solo l'averle vissute e sperimentate ci rende liberi dal cinismo e la cecità e, forse, da tante teorie di pseudo-medici, lettori incolpevoli della nuova città dell'uomo. Per ciò che riguarda i Pastori Protestanti... non si può servire Dio e Mammona. Solo il distacco dagli interessi di questa terra, dalle passioni, dall'amore come umanamente e volgarmente viene inteso, solo l'apatheia ci renderà capaci di comprendere Dio, attraverso la Sua Creazione e ribadisco Sua, perché non sarei qui a scrivere se non fosse un suo dono la mia vita.
  • Fiscanto. il 05/08/2009 02:11
    Questa è la conseguenza della cinica e cieca visione cattolica del celibato dei preti. Per caso i pastori protestanti, pur sposandosi, realizzano male la loro missione?
    Comunque io sulla religione ho le mie idee, che espongo brevemente, ma efficacemente nella riflessione "E l'uomo creò Dio" che è qui pubblicata.
  • ANGELA VERARD0 il 04/08/2009 11:38
    ieri mi è sfuggita questa poesia... è bellissima...
  • Vincenzo Capitanucci il 04/08/2009 05:34
    Bellissima Fabrizio.. semplice e complessa... in un gioco di emozioni profonde...
  • Anonimo il 03/08/2009 20:22
    un conflitto dell'anima ben descritto. bravo
  • Ruben Reversi il 03/08/2009 19:52
    La trovo intensa in un raccontare lucido le emozioni dell'anima.
    Complimenti. Ruben

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0