accedi   |   crea nuovo account

Prigioniera.

Impalpabili inquietudini
cullano dense
il corpo
nella nenia della notte
privata di stelle.

Un giaciglio di seta
la coperta di spine
il viso
non scopre
ma il ventre
trafigge.

Apri la porta
Principessa
apri la porta
nessuna chiave
sigilla il silenzio.

Lascia libere
le note
di squarciare
il petto
compiaciute
di non essere
canto.

Lascia
che il sangue
possa sgorgare
oltre le mura
fino al letto del fiume
che ha smarrito
la fonte.

Non temere il dolore
Principessa
accoglilo in grembo
perchè possa
rinascere
Vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Anonimo il 07/08/2009 15:30
    Ho letto l'amore... la vita... la prima volta.
    Giusta scelta di parole per raccontare un momento importante.
    5 stelle
  • ANGELA VERARD0 il 07/08/2009 11:47
    Grazie anche a voi ragazze!!!
  • M. Vittoria De Nuccio il 07/08/2009 11:21
    È semplicemente bella... emozionante, sentita. Mi Piace.
  • alice costa il 06/08/2009 11:36
    bellissima e bravissima.. sei riuscita a cogliere sfumature impercettibili..
  • ANGELA VERARD0 il 06/08/2009 11:09
    grazie Massimo!!!
  • Anonimo il 05/08/2009 20:32
    beeellaaaaaaaaaaa... dammi tempo che le voglio leggere tutte...
  • ANGELA VERARD0 il 05/08/2009 18:24
    Grazie amici!!! un abbraccio
  • Fiscanto. il 05/08/2009 00:11
    Molto sentita e stupenda! Brava, Angela!
  • Anonimo il 04/08/2009 18:34
    Bella, intensa.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/08/2009 17:40
    Apri la porta... Principessa... lascia scorrere il sangue nel letto del dolore... fiume che riporterà... la luce alle stelle...
  • Anonimo il 04/08/2009 17:03
    Drammatica.
  • loretta margherita citarei il 04/08/2009 16:56
    intensa molto bella bravissima
  • Anonimo il 04/08/2009 16:17
    molto bella ciao salva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0