PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sguardi

Nei bordi del tetto bagnato appena
il gatto leccava le ferite di un suo
passato combattimento
cercando di capire come avesse
perso la sua battaglia più importante

i colori della città erano così
tenui, dopo il temporale
così tutto spento e surreale
sembrava che ogni cosa
si stesse sciogliendo

inesorabilmente come neve
come vernice verde
su un ponte scrostato
dall'umidità

puntini deformi che crescevano
davanti agli occhi
e spegnevano la luce
del paesaggio

Il gatto era sceso
triste e sconfitto
progettava la sua rivincita

Il mio sguardo incrociava
il suo tragitto verso
nuovi orizzonti

Il mio sguardo perdeva
la sua sagoma

i miei occhi si perdevano
io mi perdevo

ero perso

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 05/08/2009 00:06
    bellissima melodia... pensieri dell'animo come colori rapiti dalla realtà contingente... paragone ben riuscito tra l'uomo e il gatto... animale misterioso... sette vite per scoprire l'essenza di sè

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0