accedi   |   crea nuovo account

L'Angelo dalle ali tagliate

L’Angelo dalle ali tagliate fu colui
che per primo mi rapì il cuore.
Era bello,
dolce,
il suo gracile corpo,
possente,
la sua forza nascosta.
M’avvicinai alla sua eterna bellezza,
attratta dal bagliore bianco che emanava,
impaurita dal suo sguardo traditore.
Ma lui sorrise al mio timido cuore,
con quella superbia che mi stordiva,
prese la mia mano e m’attirò a sé,
al caldo della sua luce.

L’amai subito,
e l’incontenibile amore gonfiò il timido cuore,
tanto che altro non riuscivo a vedere.
Notti, e notti passai
col suo passionale pensiero,
e il corpo,
che della sua vista non si stancò mai.
L’amavo come un’umile serva.
E lui del mio cuore si fece gioco.
La sua infinita arroganza me lo strappò dal petto,
e io cessai di vivere,
pur non essendo fisicamente morta.
L’Angelo menomato
si sentiva così incompleto
da aver bisogno del mio cuore,
per compensare il dolore che aveva dentro.

Ma non sapeva che il mio amore era puro.
E infinito.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Antonio Villani il 05/06/2011 17:41
    splendida poesia. Mi ha evocato immagini che pensavo non m'appartenessero più. Complimenti vivissimi.
  • Vincenzo Capitanucci il 05/08/2009 05:54
    Splendida Natascia.. un cuore d'Amore puro... che si rigenera all'infinito... nell'infinito..
  • Dannunziano _ il 05/08/2009 02:35
    molto ben fatta.
  • Anonimo il 05/08/2009 00:30
    originale e sentita molto bella
  • antonio castaldo il 04/08/2009 21:50
    anche a me è piaciuta. brava.
  • loretta margherita citarei il 04/08/2009 20:30
    mi sembra che sei tu l'angelo ferito piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0