PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il giorno della tua partenza

Il giorno della Tua partenza
mi hai lasciato un vuoto
che non ho ancora saputo colmare.
Come un gabbiano
volasti
sferzando l'Oceano.
Ho cercato di trattenerti,
ma eri come un'onda
che sfugge nel mare,
come sabbia
che sfugge di mano.
Ho dovuto rinunciare
ai tuoi abbracci,
ai tuoi baci,
ai tuoi sorrisi.
Tu mi volevi forte,
serena,
mentre nascondevi la tua sofferenza
dietro un sorriso dolce.
Lo bacio ancora
quel tuo sorriso,
quando hai chiuso
i tuoi occhi malinconici,
per l'eterno viaggio
verso l'ignoto.
Ti rivedo,
con le tue agili dita
che corrono veloci
sulla tastiera del Tuo pianoforte,
componendo
per me,
solo colorate dolci melodie.
Aiutami adesso,
Mamma
a riempire di amorose note,
il mio spartito dissonante,
perchè sia nuovamente
fantasiosa l'armonia.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Gaetano Maria Gelso il 10/05/2011 23:21
    complimenti, molto bella davvero!
  • Anonimo il 11/08/2009 11:40
    Lo spartito non e' dissonante, e l'armonia e' fantasiosa.
    Bisogna solo saper ascoltare.
  • Vincenzo Capitanucci il 06/08/2009 05:56
    Una dolcissima triste melodia... un volo nell'ignoto... nella ricerca di amorevoli assonanze...

    Bravissima Vittoria... un Cuore che ti sarà sempre vicino.. vive nel Tuo...
  • Anonimo il 05/08/2009 17:30
    la mamma... tocca sempre le corde più dolci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0