PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un piede greco di vigna ebraica

Trascinando
con un piede stanco

un canto ebbro
di cielo

parole
in frutti

di vigna

in un raccolto
di terra

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • alice costa il 07/08/2009 10:14
    simbolo fondamentale nella Bibbia... la vigna.. dal vino di Noè ... alle parole di Benedetto XVI...
    dalla stanchezza... un canto... e un raccolto terreno...
    splendidi versi...
  • Anna G. Mormina il 06/08/2009 17:05
    ... gli uomini lavorano le proprie terre, un lavoro duro e faticoso, lavorano cantando... la ricompensa: un buon raccolto... questo si può paragonare alla nostra vita, alla nostra Anima!

    ... che meraviglia!!!
  • Ruben Reversi il 06/08/2009 13:41
    In versi semplici e lineari l'impronta di un Maestro di poesia quale sei!
    Molto bella Vincenzo e grazie di tutto. Ruben
  • Anonimo il 06/08/2009 08:56
    Un piede stanco, sconta la fatica del cammino e ubriaco, l'affascinante greco, elevando parole di grazie al cielo col canto, conta i chicchi d'uva raccolti... La vigna simbolo di israele, la vite che dà frutti di giustizia, il vino che è buono o cattivo per convenienza. L'ambiguità, la contraddizione.
    L'ebreo, proclamentesi come popolo eletto, primo fra tutti, veste l'abito del perseguitato, vittima dell'ingiustizia altrui, per detenere vilmente e sordidamente le ricchezze del mondo.
    Non sono antisemita, ma i veri razzisti sono gli ebrei. Popolo eletto, razza eletta, avidi di denaro, insaziabili e spietati.
    Sono loro i padroni del mondo, culturalmente, politicamente e finanziariamente non da oggi, non fingiamo e non prendiamoci in giro.
    Non ho compreso l'accostamento che hai fatto, ma il simbolismo ha molteplici sfaccetature e variegate interpretazioni.
    Il maestro sei tu, io sono ignorante in materia, solo tu puoi istruirmi, non rendendomi ebbro di-vino
    (divi-no)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0