PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesia d'Amore e di Odio

È passato un anno
da quando ti ho annullato,
eppure ti penso ancora.
Sei stato il mio incubo.
Sei stato parte di me.
Non riesco ad odiarti.
I ricordi scorrono
come fotogrammi:
cadevano le prime foglie
ed io ancora ero ignara di te.
Solo un istante
per realizzare
che il mare si sarebbe infuriato
e che le sue onde mi avrebbero inghiottito,
portandomi in un luogo sconosciuto
e senza memoria.
Con gli occhi della mente
ti osservavo,
così piccolo,
non mi facevi paura,
così crudele e misterioso.
Non piangevo.
Non urlavo.
Ascoltavo in silenzio
la musica conosciuta,
ma non definita.
Tutti
hanno terrore
di poterla udire,
così dura
a tal punto da farti del male.
Non sapevo come chiamarti,
se darti un nome
“Inquilino Abusivo”,
un ospite
che nessuno avrebbe voluto avere.
Ma tu non sapevi
di aver sbagliato indirizzo.
La battaglia cominciava
per lo sfratto esecutivo.
A difendermi
non c’erano avvocati,
né aule di tribunale,
ma solo ombre bianche
e candide ruvide lenzuola.
Qualche sorriso,
abbozzato qua e là,
fra una flebo ed un calmante.
La testa scoppiava,
pensieri,
dolore
e realtà.
Mi vedevo diversa,
irreale.
Finalmente
è giunto quel mattino:
ho vinto la mia battaglia.
Ti ho sfrattato.
Se tu potessi guardarmi negli occhi
sicuramente mi faresti un bel sorriso
e dolcemente mi diresti:
“ Guarda che ti ho voluto bene….
ti ho lasciato la Vita... ”

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Fabio Mancini il 21/08/2009 22:29
    La chiusa è molto particolare. Probabilmente lo conoscevi talmente bene, da immaginare in qualsiasi situazione cosa avrebbe fatto, o detto. Hai ragione: il passato non si cancella, il passato buono, o cattivo, fa parte di noi. Ciò che importa è superare gli ostacoli. E tu ne hai la forza e la volontà. Un abbracciotto, Fabio.
  • Anonimo il 10/08/2009 15:15
    .. l'importante e che tu ti sia ripresa la vita.. che e' solo tua e di nessun altro..
    sai che devo metterti una corona con 5 stelle??
    eh si.. bravissima
  • Anonimo il 10/08/2009 14:22
    troppo bella per non trattenerla
  • M. Vittoria De Nuccio il 10/08/2009 12:36
    Grazie veramente a Tutti... beh a volte nella Vita bisogna affrontare le avversità del momento senza però farsi inghiuttire da queste. Io devo dire che ce l'ho fatta e ne sono uscitra vittoriosa, sarà forse per il nome che ho??? Buona giornata a tutti.
  • Len Hart il 10/08/2009 11:35
    great!!!
  • Anonimo il 10/08/2009 10:16
    Riuscire a vedere il "bene" nel "male". "Guarda che ti ho voluto bene... ti ho lasciato la Vita".
    Forse non lo sai ma pure questo e' amore, diceva Vecchioni... forse non lo sai ma anche il dolore più grande puo' essere segno d'amore. Sta a noi capirlo.
    Non mi permetto di commentare qualcosa di estremamente personale, e' il tuo essere che parla... al tuo essere.
    Meglio restare ad ascoltare.
  • Rosarita De Martino il 10/08/2009 07:36
    Molto, molto bella. Complimenti!
  • Anonimo il 10/08/2009 06:47
    Quelle ruvide lenzuola bianche, le flebo... quel "ti ho lasciato la Vita"... è passato un solo anno e forse non riusciranno a cancellarsi dei ricordi per quanto amari e schifosi.
    Bellissima anche questa tua poesia.
    Un'altra grande vittoria, Vittoria.
  • Vincenzo Capitanucci il 10/08/2009 06:30
    Cazz... almeno quella...

    Senza parole... 5 stelle...
  • loretta margherita citarei il 10/08/2009 06:27
    5 stelle bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0