PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te

Ti sento...
gorgogli
e vuoi uscire.
Vuoi nascere
e io
non so fermarti.
Sei in gola,
sei un sussurro...
come vento
leggero
nella notte
illuminata
dalla luna.
Sei gemito
di piacere
proibito
e cercato.
Sei buio
nella luce
e chiarore
nell'oscurità.
Sei tutto
e il suo contrario.
Tormento
e piacere.
Desiderio
e rifiuto.
Quello
che cerco
e quello
che fuggo.
E ti guardo.
E vedo
il tuo viso
trasfigurato
dal piacere
in questo
fondersi primordiale
paradiso infernale
dove l'attimo
si frammenta
e si unifica
e diventa
spazio infinito.
I colori
diventano
forma
e l'essenza
è l'odore
della tua pelle.
Il mio respiro
ha il ritmo
del tuo
ed io
non so più
dove
finisco io
e dove
cominci tu...

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0