PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le mie perplessità

Le poche foglie attacate al ramo
svolazzavano vicino alla mia finestra
invasori del mio spazio privato
toglievano quella poca libertà
rimasta ai raggi di un sole autunnalle
e nello specchio, riguardavo con orrore
ciò che ero diventato
uno stupido solo senza gioia.
L'erba era ricoperta di foglie
morte, dopo la grande stagione
appassite ad un destino troppo
crudele.
I giorni e le notti passavano
senza che i miei occhi
si chiudessero,
ermetici al contrario.
Lontano dalla stabilità
che un tempo speravo e avevo
conquistato.
Forse la stabilità
non la si conquista mai.
Era una lezione che dovevo imparare
una specie di regola,
capire che niente è statico
e bastano pochi secondi per
far scomparire gli imperi.
E poi degli imperi cosa rimane,
cosa può rimanere, cosa è rimasto?
Nulla.
tranne che il sogno
ed il ricordo
Quello che chiamo sogno, è il mito
La forza del mito
di qualcosa di spettacolare, magico
talmente particolare che sembra
non sia mai esistito.
Il ricordo è la cartolina del passato
lo splendore che cade a pezzi
senza lasciare che piccoli
fotogrammi, destinati anch'essi
al deterioramento.
Anche il ricordo scompare,
a causa delle continue mutazioni
dell'esistenza.
Così dovevo attraversare tutto questo
senza forza ed impegno
e con il morale sotto le scarpe...
Indovionate come è andata a finire?

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • loretta margherita citarei il 11/08/2009 16:34
    tutto muta e tutto si evolve diceva marco aurelio ed io credo che ciò che prima dava gioia ora da dolore, così ciò che da dolore può mutarsi in gioia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0