PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

palingenesi, in lavatrice

lavatrice, ma
solo di scelti panni,
capi firmati.
temperature bassa,
dosaggi calibrati.

già, detersivo:
quella tensione lava,
smacchia, pulisce.
quel che resta, nel mare,
sparisca, si nasconda.

intanto, guarda
vanità: sulle corde,
ad asciugare.

poi sarà ferro,
e gruccia, muta spalla,
palingenesi.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • antonio castaldo il 30/09/2009 16:45
    condivido il... coraggiosa! piaciuta!
  • Pietro Roversi il 19/09/2009 16:54
    Bella bella - coraggiosa! con buon ritmo e senza paura di queste idee bislacche solo in superficie!
    La definirei una poesia tensioattiva ah ah.
  • celeste il 11/08/2009 23:30
    Ecco, si discorreva, tra maschietti di quella che era la vita per le donne prima che ci fossero le lavatrici. Bisogna provare per capire quanto poteva essere umilante la condizione femminile. Adesso se ne può allegramente sparlare.
  • loretta margherita citarei il 11/08/2009 20:17
    rinascita per i vestiti oppure per l'anima? denuncia alla vanità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0