accedi   |   crea nuovo account

Il velista e la montagna di Elia

Per un consueto mare calmo e sporco
strambando arranco
Accolgo in me ogni desueto porto

Grida l'asciutto di un sentiero alto

nei timpani ostruiti da ostruzioni:

io sono il tuo passaggio ed il tuo approdo

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0