PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Religion

Ardeva
come fascina
per una passione austera.
Guardava
l’orizzonte
Notre-Dame de Paris.
Preghiera
per i fratelli,
un colpevole odio
ai suoi nemici.
Le piaghe
di Cristo
urlanti compagne,
ricordi di vita
il potere, le armi.
È duro morire
se si è giovani e forti
non sempre si riesce
ad essere uomo
ed all’ultimo fiato
dispensare il perdono.
Eppure disteso,
dal volto sereno,
guardava oltre il cielo
mentre lo lasciavano
cristianamente bruciare.
I suoi occhi gridavano:
-Così muore un Templare-

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • laura cuppone il 03/11/2009 10:33
    si brucia di fede
    si brucia per fede
    ... un equivoco irreparabile...

    Laura
  • Anonimo il 12/09/2009 23:47
    bella sopratutto mi piace il finale
  • Ed Warner il 13/08/2009 14:41
    grazie mille, anche tu sei molto gentile... buona giornata e continua a leggere dei templari, un argomento affascinante!!
  • loretta margherita citarei il 13/08/2009 14:30
    bellisssima 5 stelle, amo molto leggere sui templari, e la crudeltà del potere esercitata dal re di francia, che sterminò questi magici cavallieri.
  • Ed Warner il 13/08/2009 13:14
    Sono d'accordo con quanto scritto nei vostri commenti.. trovo molto affascinante la vicenda dei templari e di Jacques de Molay in particolare, storia che ci insegna le dinamiche del potere non solo in quel tempo lontano... in attesa di uno più materiale ma non disprezzabile, che sia questo il tesoro che ci lasciano... un saluto
  • Fabio Mancini il 13/08/2009 10:58
    Qualcuno afferma che come si vive, altrettanto si muore. Vale a dire: se si è stati coraggiosi, si guarda in faccia alla morte con meno timore. Ciò vale per la gran parte dei casi, ma non in tutti, ovviamente. Penso che anche la persona più vile, sul punto di morte possa riscattarsi. Bella e ammirevole poesia. Complimenti! Fabio.
  • Vincenzo Capitanucci il 13/08/2009 07:39
    Jacques de Molay... infatti pronunciò parole di fuoco... contro Filippo il bello... e Clemente v... e non passò un anno..
    Molto bella Ed... quante cose ha visto Notre Dame.. anche Esmeralda cristianamente ballare..
    Le religioni.. hanno molti pregi e molti limiti... uno di questo si chiama potere in supremazia di verità... ma ditemi... dov'è finito l'oro... il famoso tesoro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0