accedi   |   crea nuovo account

L'ultima occasione

Le zucche han fatto i fiori, amari;
i pomodori sono ancora acerbi:
non c'è più acqua, la terra è arida.
Guardo il mio mondo, lo abbandono
piano, piano.
Devo prendere il treno, è tardi.
La mia mano afferra il vuoto
e la sveglia sta già sonando.
Apro gli occhi
dalla tapparella filtra
un raggio di sole.
il treno fischia in lontananza,
ho perso la mia ultima occasione.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Antonio rea il 20/11/2009 17:39
    .. di treni nella vita ne passano tanti, molti sono Velocissimi e non fermano, altri si, basta prendere quello giusto e.. NON avere fretta!! Bella e profonda!!
  • Anonimo il 13/08/2009 21:45
    nella vita ci vuole anche l'amaro per più apprezzare il dolce, i binari d'un treno non hanno mai fine e ci sono tante stazioni, ciao Salva.
  • loretta margherita citarei il 13/08/2009 14:05
    prendi il prossimo, vai non ti fermare bella
  • Anonimo il 13/08/2009 13:41
    Sicura fosse il treno giusto?
  • Fiscanto. il 13/08/2009 13:09
    Domani è un altro giorno, dice Rossella in Via col Vento... e domani ci sarà pure un altro treno, no?
  • Vincenzo Capitanucci il 13/08/2009 13:08
    bellissima.. Cristina... anche se a volte.. un treno.. ne nasconde un altro... ciuff.. ciuff...
  • Anonimo il 13/08/2009 12:33
    bellissima
  • Anonimo il 13/08/2009 12:20
    bella... da mettere ansia... crea uno stato di angoscia... se questo era l'obbiettivo o comunque lo stato d'animo... perfettamente riuscita... brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0