PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

in fondo, nel mare

Silenzio,
infinito
silenzio.
È dentro ognuno di noi,
sta per esplodere
o per esaurirsi.
Questo mondo in cui mi ritrovo.
Un mondo di contrasti,
di parallelismi,
di cose che non puoi toccare,
ma puoi cambiare
espressione sul tuo viso,
espressione nel tuo cuore.
Un mondo di ricordi,
di perché,
d’amore.

L’essenza è immobile,
E mi muovo lentamente, sospeso e indefinito,
in un mantello oscuro
divago,
penetro
in quei raggi riflessi.
Al di là del tempo e delle cose,
il silenzio
è ormai attutito dal mio universo,
ora può uscire
libero, senza vergogna.
E si muove lentamente, sospeso e indefinito,
guarda sopra di se: un’immensità sconosciuta;
sopra di me,
vede la soglia
netta e sottile,
ondulata e lucente.
Non vuole solcarla,
tornare in quella dimensione,
tornare dove la gente chiacchiera e cammina,
dove le cose si possono toccare,
ma non si possono cambiare,
tornare dove l’aria ti soffoca
ma ti dà vita..

Io vorrei stare qui..
In fondo,
nel mare

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • michele marra il 10/12/2006 08:41
    La maggior parte degli uomini sono filosofi in quanto operano praticamente e nel loro pratico operare è contenuta implicitamente una concezione del mondo, una filosofia. (Gramsci)
  • luca jankovic' il 14/09/2006 12:24
    questa poesia sottolinea il contrasto immenso tra L'ego e tutto ciò che è esterno alla persona, tra la mente e il corpo, tra la tua realtà e quello che in realtà è!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0