accedi   |   crea nuovo account

Palermo 19 luglio 1992, via D’Amelio

Fumo si levo al cielo
sradicando dall’amata terra
un’anima nobile
pronta al sacrificio
che si concedeva
in cuor suo

forse

l’ultimo saluto

L’arroganza assassina

trionfò

lasciando
fra macerie e fuoco
corpi straziati

sangue dello stesso sangue
senza versar lacrime.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 13/02/2010 23:52
    Non posso dire di più di quello che hanno già detto gli altri. Tristemente vera. Bella.
  • Anonimo il 11/10/2009 13:16
    Come lui nessuno è rimasto e quel fumo di cui tu parli io lo vidi dal balcone a 10 km di distanza, provai solo strazio nel cuore e tanto dolore... ma le cose cambieranno, dovranno cambiare grazie per avercelo ricordato anche se è e sarà sempre nei nostri cuori...
  • lucia cecconello il 16/08/2009 17:21
    Bellissima Salvatore, bravo
  • Anonimo il 16/08/2009 16:35
    Bellissima, ottimo elogio ad una persona che credeva nella giustizia.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/08/2009 07:29
    Quel giorno la mala vita... perse la Vita.. quel giusto... Borsello... in Oro...

    Bellissima Salvatore... sangue dello stesso sangue... in Italia... molte lacrime di dolore... furono versate...
  • loretta margherita citarei il 16/08/2009 06:11
    se il chicco di grano non muore, non porta frutto, diceva Cristo e quelle morti pesano e vincono

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0