PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La festa

Improvvisamente non so.
Il modello è crollato lasciando puntoni
come un'inquietudine che crolla nel sonno.
Seguo i lavori con lo sguardo.
Quattro gendarmi ripongono armature
di ponteggi, fari freddi e stoviglie asciutte.
È un dopo-cena. Io li avevo chiamati
per allestire la mia festa e ho fatto bene:
sono giunti in ritardo e al posto giusto.
Per il caffé hanno la loro moka ed il fornello.
Per me, fatica in meno e meno frustrazione:
sono proprio scarso nel gestire il niente.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Michele Storti il 09/09/2009 18:22
    Quello che mi sta ancora conquistando è l'aria "esistenziale", o di complessità avvolta attorno a oggetti ed eventi che forse non la meriterebbero...
    Veramente ben scritta.
    Saluti
    Ms
  • Nicola Saracino il 31/08/2009 10:21
    È una festa... come tante altre. N
  • Giuseppe ABBAMONTE il 26/08/2009 09:16
    "sono proprio scarso nel gestire il niente!"
    Ma siamo proprio sicuri che sia una festa?
    Giuseppe
  • Inchiappa Vito I Song il 25/08/2009 11:58
    Bella poesia. Un rimescolarsi di sensazioni che rende la festa un travaglioi interiore che non si conclude nel non saper gestire niente.
    Vito
  • M. Vittoria De Nuccio il 25/08/2009 11:25
    Bellissima farragine... bravo.
  • ANGELA VERARD0 il 19/08/2009 13:56
    la trovo bellissima in questa ansia del tutto e nel contempo il sollievo del niente...
  • cesare righi il 18/08/2009 11:26
    Ciao Nicola, ho letto con piacere questa tua poesia. A risentirci presto...
  • Anonimo il 17/08/2009 16:07
    ho letto e riletto questa tua. Mi ha colpita non posso nasconderlo.. le parole sono forti come le immagini che si aprono,
    cadono i riferimenti?.. ma il tuo scrivere e' spinto da un altro vento.. tu segui i lavori con occhio attento.. non siamo
    difronte al niente in assoluto.. c'e solo il ''non c'e momentaneo... È tutto da scrivere Nicola.. e non il silenzio che bagna.. ma la parola che costringe a ripartire..
    h
  • Nicola Saracino il 17/08/2009 10:58
    Con questo scritto, datato 15 agosto ore 17, mi accommiato per un po' da voi amici.
    Ciao, Nicola
  • Anonimo il 16/08/2009 23:25
    È bellissima nel suo marasma!! Mi piace.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/08/2009 23:08
    Siamo disarmati... un po' persi... tutti i valori sono crollati... ci ritroviamo di fronte al niente... ma nell'aria... avvertiamo un profumo di festa... dai fammi un cafè di risveglio... che io possa vegliando... dormir tranquillo...

    Buona notte... Nicola... i ponteggi.. del dopo-cena... sono quasi pronti... sono stati ordinati... in acqua-vite...
  • loretta margherita citarei il 16/08/2009 20:18
    5 stelle, perfetta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0