accedi   |   crea nuovo account

Quando ieri notte l’infinito

era mezzanotte l’ora delle streghe
e noi soli nudi sul balcone ci amavamo
le stelle nel loro moto perpetuo
ci osservavano curiose
ma io non guardavo loro
ero perso nell’universo dei tuoi seni

il tuo lento moto m’inebriava
il tuo sorriso mi eccitava
le mie mani accarezzavano la tua schiena
e la tua testa reclinata baciava il cielo
ero perso in te come forse mai lo fui

rallentai i battiti del cuore
rallentai il desiderio di partire
rallentai il moto della terra
ed al mondo ieri sera regalammo
un attimo d’infinito

e fuggirono le streghe

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 19/08/2009 05:28
    ieri notte... ho toccato il cielo... con un dito... ho raccolto 5 stelle...
  • cesare righi il 18/08/2009 16:32
    ma che vent'anni... era ieri l'altro... e pensa te, nemmeno un dolorino!
  • loretta margherita citarei il 18/08/2009 16:15
    invidiose forse? piaciuta ma non lamentarti dei reumatismipoi, ah i venti anni...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0