PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cuore zingaro

Vivo il mio tempo attimo dopo attimo,
in attesa dell'evento finale,
dell'unica certezza assoluta!

Non un Dio a raccontarmi inganni,
non un credo ad indicarmi la via.

Nomade di me stesso,
percorro l'insicurezza delle mie idee,
alla disperata ricerca dei molti perché,
che sin da bambino mi tormentano l'anima.

Il mio tempio è il pensiero,
la mia chiesa è l'amore che,
nel mio incostante incedere,
raccolgo e dono a piene mani,
lungo le polverose strade che la mia vita percorre.

Con me porto la consapevolezza delle cose vissute
e la concreta fiducia in quelle che verranno,
straniero, mio malgrado,
di una vita randagia e solitaria,
che slega i giorni l'uno dall'altro,
rendendoli ognuno unico e insostituibile,
per rinascere ogni giorno nell'assurda follia di chi sa amare la speranza,
di chi sa perdersi nelle piccole cose
e passare indifferente sullo sconfinato egoismo del mondo.


Incontrastato padrone del mio tempo e delle mie idee.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • sara rota il 21/09/2007 15:19
    Io rappresento in parte coloro che vivono alla giornata... pensando solo ad un futuro fatto di gioie... di pensieri che ogni giorno mi rendono allegra... piccole cose che colmano la mia esistenza. Io penso sia bello essere anche un po' così, spensierati, no?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0