accedi   |   crea nuovo account

NOTTE D'INVERNO

D’inverno il mio cognac e la mia gatta,
una sul davanzale e l’altro a punto giusto
intarsiano, per costernazione,
un pezzo di legno del posto dove vivo.

Scuote i lampioni la tormenta fredda
a stregua di fantasmi con mostruose braccia:
ma sono soltanto ombre, non c’è d’aver paura
chè ben diverse quelle di lunghe primavere
streghe danzanti in un girotondo
con canti e burle e me dentro un paiolo.
Domani dirò a qualcuno di domarmi un frutto:
anche un’umile e sola mela cotogna che non
disegni sul foglio dei ricordi dove nei bordi
non è rimasto spazio…
Questa notte, senza che ne ho voglia,
guardo di fuori e aggiungo un altro più.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0