PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Simmetrie del tempo

Anime separate ed indivise
testimoni delle simmetrie del tempo,
vivono dentro vuoti incolmabili
di inopportune distanze.


Si cercano e si rifiutano
nei confini dei loro sogni
annegando nella malinconia
d'un mare infinito.


Scandiscono nel ritmico silenzio
il nulla di ogni loro ragione
in sequenza di istanti
andati e mai perduti.



Cercano risposte
a domande incompiute
ma incapaci sono, di trovare,
i quando e i perchè.


Ascoltano l'eco delle loro voci,
negli anfratti del tempo,
e l'eternità delle stelle,
assume trasparenze di cristalli di ghiaccio.


Incrociano le braccia,
davanti a parole di rabbia e paura,
lasciando tra spazi e linee,
note sospese nell'aria
d’un rimpianto
intrecciato al loro destino

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Giovanni... il 25/08/2009 21:45
    molto piaciuta!!!
  • Anonimo il 25/08/2009 10:42
    É bellissima. La sensibilitá di un poeta va oltre tutto ció che er monno ce espone nudo e crudo.
  • Salvatore Ambrosino il 23/08/2009 22:53
    una poesia che unisce le simmetrie dando un solo volto all'immaggine umana, complimenti
  • Anonimo il 23/08/2009 10:08
    quando il destino abbraccia nulla più può neanche l'amore, perchè non è completo, o almeno non è significato da tutte due, il più brutto è quando nel sole si celano promesse. un abbraccio Salvatore.
  • Fiscanto. il 22/08/2009 01:16
    Due persone, che non sono mai insieme, ma allo stesso tempo nemmeno mai davvero lontani... un tira e molla, fatto d'amore, di rimpianti, di parole dette e di parole mai dette... Che bella atmosfera che crea questa poesia! Bellissima!
  • Anonimo il 21/08/2009 20:22
    L'essere umano?!!
    Infinitamente bello
    Infinitamente mostruoso.
    Miriam.
  • Inchiappa Vito I Song il 21/08/2009 16:40
    Ma io non impongo le mie vedute e non giudico, come altri esprimo il mio parere. Ti ho solo voluto indicare una parola che io pensavo andasse meglio. Non ho detto che si tratta di un errore. Se non posso esprimere una mia opinione perchè la ritenete una offesa ditelo pure.
    Vuoi solo che ti dicano BRAVA?
    Io ritengo che tu sia insuperabile.
    Pemso che avrai segnalato anche i miei commenti ad altre tue. Si dever essere coerenti.
  • M. Vittoria De Nuccio il 21/08/2009 14:56
    Dario grazie della tua puntualizzazione con lettere maiuscola di Anfratti invece che infratti, sbagliato a scrivere sulla tastiera... mi dovrò ricordare più spesso di avere anche una laurea in lettere classiche. I tuoi commenti, scusa se mi esprimo qui e non in un messaggio privato, noto che sottolineano troppo gli errori ortografici degli altri UMILI ESSERI UMANI e, anche se sei qui da pochissimo tempo TI MERMETTI DI GIUDICARE ANCHE QUELLO CHE UNA PERSONA VUOLE NEI SUOI SCRITTI ESPORRE. Ognuno può esprimersi... ma non GIUDICARE E IMPORRE LE PROPRIE VEDUTE SENNO' QUI CI SARESTI SOLO TU!!! Buon pomeriggio.
  • Inchiappa Vito I Song il 21/08/2009 07:00
    Ascoltano l'eco delle loro voci,
    negli Anfratti del tempo
    Nostalgica.
    Idealmente il tempo può avere delle simmetrie, che ognuno potrebbe individuare nei propri ricordi, ma istantanee ed individuali. La simmetria fra due anime non è mai eterna ma sempre "finita".
  • Vincenzo Capitanucci il 21/08/2009 06:36
    In una croce di braccia... il loro luminoso destino...
  • Anonimo il 21/08/2009 00:29
    si legge d'un fiato... in un vortice di emozioni
  • Anonimo il 20/08/2009 23:07
    decisamente autobiografica direi... bella come tutte le tue poesie
  • Fabio Mancini il 20/08/2009 22:47
    Il lato sinistro talvolta, è più piacevole di ciò che si immagina... Ciao, Fabio.
  • M. Vittoria De Nuccio il 20/08/2009 22:30
    Grazie a tutti... Fabio a volte va fatta parlare la ragione... sì in effeti ha un pizzico" mancino "...
  • Anonimo il 20/08/2009 22:25
    rette simmetriche non saranno mai tangenti.
  • Fabio Mancini il 20/08/2009 22:25
    Una poesia a metà strada tra l'introspettivo ed il filosofico. Non è il mio genere poetico, in quanto preferisco far parlare di più le emozioni e meno la ragione. Però questa tua poesia è davvero bella e profonda, oltre che probabilmente autobiografica, il che aumenterebbe i tuoi meriti. Strano, ma ti sto scoprendo solo ora... Bravissima! Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 20/08/2009 22:00
    m. vittoria e' spledndida. POESIA.. mi perdo in queste simmetrie del tempo.. annego nella malinconia di un mare infinito.. in un vuota di distanze incolmabili.. e cerco cerco ancora i quando e i perche..
    meravigliosa
  • Fernando Biondi il 20/08/2009 21:55
    dire meravigliosa è dir poco bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0