username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A L. Pellegrina Partenopea

Mite creatura
Quali candide lenzuola ti ospitarono?
Tu, piccola pellegrina
In una terra ostile
Non lasciarmi perire
In tale indifferenza per
La Bellezza.
Portami con te
In quella terra dove il Sole
Non sembra tramontare e
Dove i profumi riempiono i polmoni.

Sei stata una calda folgore
In una cupa selva.

Come gli orchestrali seguono
Con estrema diligenza
La bacchetta del direttore
Cosi io inseguivo appassionato
Il vorticare delle tue dita affusolate
In quei discorsi che tanto ti entusiasmano.

E le pause
Oh dolcissime pause
In quel intervallo fra parole riuscivo quasi
A trafugare la tua Essenza.
Si, quei silenzi valevano più di
Mille vani sproloqui.

Ma adesso son tornato cieco e
Cosciente resto poiché
Non potrò rivedere la tua aurora
Fin quando non perderò un
Altro anno di questa mia
Giovinezza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Anonimo il 14/12/2009 17:04
    Devi per forza aspettare un altro anno?? I tuoi versi meritano ben altro destino. Mi sono piaciuti molto.
  • Donato Delfin8 il 17/09/2009 11:45
    Chiara e intensa. Immagini semplici (che preferisco) per chi vuole comunicare le proprie emozioni.
    Piaciuta
  • cristina gafton il 15/09/2009 14:18
    molto bella.. complimenti...
  • loretta margherita citarei il 15/09/2009 13:18
    incantevole x la sua intensità
  • sabrina balbinetti il 06/09/2009 22:00
    le poesie d'amore non sono le mie preferite... comunque questa tua è molto ben strutturata ed intriga nelle sue molteplici sfaccettature
  • lucia cecconello il 06/09/2009 21:24
    E'... molto bella... grazie per l'invito. bravo
  • Anonimo il 06/09/2009 19:34
    Un'opera senza tempo, stile classico me non decadente perché parla col cuore. Linguaggio universale dell'amore usato in maniera garbata. Quando uno ha talento, e tu ne hai, non ha bisogno di ricorrere a chimere di stilli e forme espressive particolari, lascia che l'anima esprima se stessa, così nella forma più semplice, perché vuoi essere letto e capito. Lei (sia essa reale o frutto della fantasia) non deve avere dubbi, tu la ami e lo dici al mondo intero, ora lei non può nascondersi e tu l'aspetti. È per me un onore ed un piacere leggerti, ti ringrazio di avermi invitato.
  • claudia checchi il 31/08/2009 17:57
    albert... nn ho parole per commentarla... solo che dire la trattengo per rileggerla, e rileggerla, è stupenda.. e tu bravissimo... complimenti... claudiaaaaa...
  • mariella mulas il 28/08/2009 09:46
    Caro Albert
    dire che hai talento è poco. Leggendo è come se nostalgia, amore e ineluttabilità fossero tenerezze nel destino di chi "cieco" ma "cosciente" attende di rivedere "l'aurora amata" solo quando perderà "un altro anno di giovinezza".
    Poesia veramente vibrante!
  • Ugo Mastrogiovanni il 28/08/2009 09:10
    La prevalenza dell’impeto giovanile e il fascino dell’avventura modellano armoniosamente il verso; l’intero argomento e il rimpianto lo intenerisce e lo sostiene.
  • Anonimo il 28/08/2009 08:40
    Passione, sole, calore partenopeo. Un quadro perfetto ed armonico in una malinconia che non sbiadisce e ti rattrista.

    Molto bella.
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 27/08/2009 23:09
    versi splendidi pieni di una forte passione. Svariati motivi d'amore e delusione, di allontanamento e ricordi. Sei molto migliorato nei tuoi scritti questi versi ne sono testimonianza.
    L'ultimo periodo mi fa pensare che temi il passare degli, ma sbagli perchè il tempo e un buon insegnate e tu che sai apprendere scoprirai nuovi modi di assaporare passioni, amori, addi e quant'altro di bello saprai scorgere.

    Poesia stupenda consiglio di leggerla!!!
  • Anonimo il 27/08/2009 21:38
    ..."E le pause
    Oh dolcissime pause
    In quel intervallo fra parole riuscivo quasi
    A trafugare la tua Essenza.
    Si, quei silenzi valevano più di
    Mille vani sproloqui."..
    Mi piacciono molto questi versi. È una poesia affascinante e armoniosa. L'ho gradita.
  • Ila Santo il 27/08/2009 19:35
    Sa di libertà, solo la libertà è vero amore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0