PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ebrezza

È splendente
come il fiore di una primavera ormai passata
Lucente
come il bagliore di un sole tramontato
Avanza innocente con un grido di follia
S’estende sopra ai mari ed oltre i cuori
Il suo perir festoso e distratto si scioglie nel mescolio dell’alba
e su di ardenti frontiere si staglia,
oltre i monti,
in paesi lontani
ove non si può che cadere addormentati

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Marcello De Tullio il 26/08/2009 15:01
    Dolci versi che si lasciano cullare sulle ali della fantasia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0