accedi   |   crea nuovo account

Trampoli

Sbirciare dietro le quinte delle apparenze
e scoprire quanto spesso il sorriso
sia maschera per celare amare lacrime,
le parole dolci una merce di scambio
offerta per conseguire qualcosa,
una stretta di mano qualche minaccia latente.
Si recitano copioni, si interpretano personaggi
lontani dal nostro autentico essere,
attenti a non tradire la vera identità,
giudici severi delle altrui azioni
ma spregiudicati e tolleranti con noi stessi.
Vestiti di ipocrita perbenismo,
respiriamo superiorità fino a crederci
e non più distinguere teatro e realtà.
Guai a chi osi riportarci coi piedi a terra,
sarebbe attentato all' onore, alla reputazione:
quando si è convinti di sovrastare gli altri,
non si tollera che qualche irriverente
ci faccia scendere dai nostri trampoli.

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/01/2012 09:14
    ottimo argomento e ottima esposizione... anche se, forse non sempre troppo poetica!

5 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 05/09/2009 23:54
    Quante verità... Ignazio... racchiuse in questo scrigno... compatto... di poesia...
    merce di scambio... tolleranza con noi stessi... sovrastare gli altri... irriverenza davanti a chi ci dice la verità... mi fa pensare... a Uno.. nessuno.. centomila.. di Pirandello...
    Piaciuta molto... complimenti..
  • Anonimo il 23/08/2009 11:15
    vera, ciao salva.
  • Anonimo il 23/08/2009 10:32
    molto bella
  • giancarlo milone il 23/08/2009 07:55
    bella
  • loretta margherita citarei il 23/08/2009 05:48
    bella, molte volte si indossano maschere, per quando riguarda la seconda parte della poesia, ti dico un vecchio proverbio:la superbia partì a cavallo e tornò a piedi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0