username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le 4 stagioni

Ancora pochi tramonti
scottanti
chiuderanno il guscio sconsiderato dell'estate.
Scaverà il suo cammino
l'autunno
Il sole spegnerà la sua luce
calando un po prima
intanto... pittore occulto
tingerà di giallo ed ocra
il vestito fogliato degli alberi stanchi
e
come stelle cadenti
o
esausti uccelli migratori
poseranno il loro volo leggero, le foglie
sul letto di terra del loro riposo.
Il profumo del mosto novello
porterà godimento e piaceri venali
roteando in coppe importanti
sollevate all'insù... ad onor della prossima stella.
Piene d'amore... o di pensieri tristi
notti fresche faran compagnia
a membra forti di gioventù lontana
intagliando promesse... o ricamando baci
mentre prima pioggia dell'incalzante inverno
scivolerà sul manto plastica
della mia rinascita.
Ti aspetto al varco Primavera, io ci sarò.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Donato Delfin8 il 25/03/2010 14:23
    Ottima Marcè.
  • Cinzia Gargiulo il 30/09/2009 20:17
    Bellissima descrizione del susseguirsi delle stagioni. Sempre barvo Marcello!
    Un bacio...
  • Inchiappa Vito I Song il 23/08/2009 10:45
    Bella poesia.
    La descrizione delle stagioni e il passaggio dall'una all'altra è piacevole, delicato. Infine l'attesa della Primavera, una stagione che ha un suo fascino particolare.
    Vito
  • Anonimo il 23/08/2009 10:45
    bellissima 5 stelle

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0