accedi   |   crea nuovo account

romanticismo

V’è sempre di notte,
un vagabondo, un poeta,
un sognatore, che
percorrendo il sentiero
d’anime in amore perse,
raccoglie lacrime
di luna pallida.
Con mistico fervore,
adagia sul palmo
della mano
quelle gocciole fragili,
schegge di opali iridescenti,
le nasconde nel profondo
del cuore, custodendole
gelosamente.
Prima che l ‘alba giunga
ed il sole illumini,
lo scorrer lento
del fiume della vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Simone Suzzi il 24/08/2009 18:06
    .. di notte! haha
  • Simone Suzzi il 24/08/2009 18:06
    mi piaceeeee!
  • M. Vittoria De Nuccio il 24/08/2009 17:59
    Bella immagine del vagabondare, del poetare e del sognatore romantico... bravissima, come sempre del resto Loretta!!!
  • cesare righi il 24/08/2009 15:43
    fantastica
  • Anonimo il 24/08/2009 14:37
    magia di poeta romantico... viaggio di sogni nella meraviglia dell'infinito
  • claudia mezzetti il 24/08/2009 13:43
    La tua poesia riesce ad "appoggiarmi" nell'atmosfera notturna dove dietro all'apparente silenzio si nasconde la vita intensa dell'"estremo sentire"... ".. raccoglie lacrime di luna pallida.."... bellissimo!
  • Vincenzo Capitanucci il 24/08/2009 08:36
    un incanto...
  • Anonimo il 24/08/2009 08:30
    Anch´io mi vedo in questo vagabondo, sognatore e poeta. Anzi sono stato gia definito come un poeta randagio sulle rive del Danubio. Vivo infatti a Bratislava - Slovacchia. Bellissima.
  • Anonimo il 24/08/2009 06:28
    vagabondo.. poeta.. sognatore... eccomi!!!
  • Anonimo il 24/08/2009 06:28
    vagabondo.. poeta.. sognatore... eccomi!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0