username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Rabbia

Vorrei esprimere la mia rabbia,
vorrei urlare, picchiare, rompere,
vorrei fregarmene, fottermene,
di chi, di come e di quando,
vorrei esprimere me stesso,
senza giudizi, senza vincoli e senza imposizioni.

Rabbia, è quello che provo
quando penso a ciò che sono
e a ciò che mi sento di essere
pugni chiusi, mi agito al suono
della musica che esprime la rabbia
che io non riesco a tirar fuori.

Troppe regole, consuetudini, costumi,
nessuno spazio per chi non segue,
questa tragicomica comitiva di esseri,
devoti ad una vuota vita,
vuoti loro stessi
nel vuoto
del nulla.

Rabbia è ciò che esploderà in me
quando la misura sarà colma
del vuoto in cui vivo e non esisto,
Rabbia è ciò che ci vuole
per intuire la differenza tra chi pensa di essere
e chi se ne fotte.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • sara meneghello il 22/04/2014 16:21
    Il Pensiero che dovremmo esprimere tutti, più spesso di quanto si fa! No scherzo, su quasi tutto. Bisogna spezzare quelle catene!

3 commenti:

  • Anonimo il 24/08/2009 17:35
    il mondo è pieno di menefreghisti... ma si!!... chi sene frega!.. hehehe...
  • loretta margherita citarei il 24/08/2009 16:36
    guardati allo specchio quando hai rabbia, osservandoti puoi controllarla, ci vuole pace interiore per cambiare il mondo, arrabbiarsi non serve, occorre agire. piaciuta
  • Anonimo il 24/08/2009 14:43
    5 stelle... introspezione allo stato puro per un meraviglioso canto di rabbia esistenziale... l'anima vorrebbe spezzare le catene di quel corpo prigione... trattenuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0