accedi   |   crea nuovo account

Un giorno

Uno specchio di senso,
soffierà il suo vento di gelo
sulla foresta di diamanti
illuminandola,
assieme al primo raggio d'alba.

già il meriggio purpureo
d'una sera senza luce.

solo rosse farfalle
cantano lente
l'acuto sibilo
d'una notte, piena di calore.

dove le stelle, ballano fresche
sull'infinita iride del sole
che torna, incuriosito.
rubando luce alle ombre
inondando d'oro il buio

si chiede se
il silenzio di quell'oceano
sia già mutato,
durante il sonno del tempo
durante il bacio dell'universo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • ninetta ciminelli il 27/12/2007 22:09
    bellissima poesia
  • alice di nanna il 12/06/2007 11:37
    sei davvero bravissimo!!!
    è una poesia che esprime tanti sentimenti bravo! scrivi in maniera divina!
  • Adriano Di Carlo il 01/01/2007 16:41
    caro valerio, ti ringrazio molto, ma credo sia sbagliato mettere un voto in base alla mia età, sarebbe più giusto metterlo per ciò che è la poesia, se la poesia nn lo merita è giusto nn metterlo. io nn sperimento nulla e nn cerco nessun ermetismo:le mie poesie nascono per me stesso, e sono parti intime di me, per questo sono velate o difficili da leggere a fondo. la mia nn è voglia di sperimentare, altrimenti mi metterei a fare anagrammi o palindromi come ho già fatto. ti ringrazio per il talento e per la passione, anche se mi sembrano esagerati, visto che scrivo più per bisogno che per piacere. dubito che il mio stile migliorerà, nn so se hai letto altre cose da me pubblicate, ma ho vari stili piuttosto forti come forma, spero nn siano troppo pesanti o forzati, ma sono alcune delle poche vie d'accesso che ho trovato per esprimermi. grazie moltissimo per il commento. ciao, cryback
  • Valerio Palma il 18/12/2006 23:10
    Merita un 10 per la tua età (e scuoto dolente la testa per chi da certi voti totalmente a caso... O forse scientemente, per divertirsi in maniera idiota? Mah...)
    Magari vai alla ricerca un po' forzata dell'ermetismo, ma ciò che conta nella poesia è l'emozione, la suggestione, la capacità comunicativa tout court insomma... Ovverosia il "significante", più che il "significato" in se...
    E poi all'inizio farsi trasportare dalla lettura altrui e da un certo desiderio d'imitazione... Dalla voglia di sperimentare, è assolutamente normale! Vedrai che con il tempo acquisterai un tuo stile maturo ed originale...
    Sei molto bravo e dimostri di avere talento e passione (oltre che applicarti)...
    Un saluto,
    Valerio
  • Adriano Di Carlo il 08/10/2006 20:08
    è un fenomeno complesso da descrivere
  • ELIO RIA il 08/10/2006 18:01
    Concordo con Giovanni Lisi, è apparentemente senza senso, va rimodulata. Comunque rilevo che il termine foresta compare due volte consecutivamente.
  • Adriano Di Carlo il 26/09/2006 19:05
    perchè panico?
  • Teodoro De Cesare il 26/09/2006 18:46
    panico "panico"
  • Adriano Di Carlo il 24/09/2006 22:18
    grazie, si forse c'è un eccessiva ricchezza di una situazione altrettaanto particolare. cryback
  • Giada Staffieri il 24/09/2006 10:43
    sta nella particolarità la bellezza della poesia. mi piace.
  • alberto accorsi il 23/09/2006 14:17
    belle molte metafore, soffre forse di una eccessiva ricchezza.
  • armando pascale il 23/09/2006 08:49
    mi piace anche se un po particolare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0