PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nu pìézzo e pàne

Ma còmme!
dìnto 'a nu mùnno
e feluffe (soldi) è manna (benessere)
ci stà tuttora
chi more e famma

Nu ce crére, nupo'essere

Nùje ca sìmma jiuta
ncòppa 'à lùna
nùje ca mu fatto 'cose e pàzzo
nu sìmme capàce
e le prucurà
nu pièzzo e pane
a chi se more e famma

Nùje...
ca scuórno

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • M. Vittoria De Nuccio il 28/08/2009 16:07
    ... Nùje... ca scuòrno... molto bella... affascinante il dialetto napoletano nella poesia...
  • Anonimo il 25/08/2009 13:08
    Piaciuta molto.
  • Vincenzo Capitanucci il 25/08/2009 12:23
    Un incredibile gioco di prestigio e d'interessi... dove tutto si può... na mente in luce domina il mondo... in un cuore marcio...

    Bravissimo Salvatore...
  • Anna G. Mormina il 25/08/2009 10:52
    "Nùje...
    ca scuórno", noi... che vergogna!

    Salvatore è bellissima, complimenti!
  • Anonimo il 25/08/2009 08:44
    Nuje simmu fatti accussí? Nun me pare overo! Ma é prpprio accussí.
    Bravo davvero.
  • Inchiappa Vito I Song il 25/08/2009 08:00
    Bella poesia in vernacolo.
    L'ipocrisia di un mondo che si mostra buono e generoso verso tutti e poi non lo è nemmeno verso se stesso.
    Vito
  • loretta margherita citarei il 25/08/2009 06:15
    e si, come pulcinella dici la verità , bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0