PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

PER UN OMAGGIO A NOVALIS

M'inebria il tuo sguardo
eppure ripetevo al mio corpo:
non lasciarti anche tu stregare
dagli occhi di Medusa.
La vanità s'impadronisce del tuo intelletto
e non resta che un letto sfatto,
la freddezza di una piega.
La tua parola è arte,
cerchio magico dell'esistenza
e tu sei divenuta lo sfondo immutabile
di ogni mutamento: sei come la natura

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 12/04/2008 03:23
    Stupenda... omaggio ai luminosi Inni alla Notte... a questo fondo immutabilmente divino che è in noi... in tutto il creato... emanazione increata
    con grande Stima
    v
  • augusto villa il 06/09/2007 21:02
    .. sfondo immutabile di ogni mutamento... Mi piace, bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0