username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

la mia rosa nella pioggia

cosi vicino all'orlo
eppure,
cosi piacevole quel sussulto d'aria

scorre in un rivolo di sangue l'amarezza del mio sorriso.
è strano
consumi, torturi, flaggelli l'animo mio
sei davanti a me, e continui a farlo
eppure
non andare.
ancora per quei secondi
rimani mia...
con me...
non andare...
osservo, mentre m'abbandono
quegli occhi dietro i quali un tempo si nascondeva il paradiso
che un giorno rivelarono ai miei una falsa entita
osservo, ormai in ginocchio,
le gambe tue cosi mute e ferme che ora lentamente si allontanano da me
osservo, ormai al suolo,
i peidi tuoi che decisi vanno via e  no, non si girano mai...

ancora vicino all'orlo
eppure... ancora cosi piacevole quel sussulto d'aria
si sta cosi bene quando si scappa  dall'inferno... ed esso non ti segue
rimani solo una rosa nella pioggia
un' ombra nel passato
ho sciolto le catene
liberandomi dalla tua ossessione
ed eccomi ora
non son piu quello di prima
ora son me stesso.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Flavio METALDOG Noviello il 21/09/2008 00:54
    Scritta con il cuore... verissima.. purissima.. bravissimo!!!
  • sara rota il 25/05/2007 16:32
    L'importanza di essere se stessi... Bravo.
  • alessandro cittadino il 04/10/2006 21:37
    opss... errore di battitura... grazie di avermelo fatto notare!!
  • Adriano Di Carlo il 04/10/2006 15:48
    cosnumi?
    carina, soprattutto il finale. cryback
  • alessandro cittadino il 20/09/2006 15:50
    ho superato il test di argeta bronzi... wow!!!!
  • Argeta Brozi il 20/09/2006 09:25
    Vai a capo così:
    Scorre
    in un rivolo di sangue
    l'amarezza del mio sorriso.
    (Trovo molto bella questa frase)
    E poi:
    Quegli occhi dietro ai quali
    un tempo
    si nascondeva il paradiso
    che un giorno
    rivelarono ai miei
    una falsa entità. E così via, insomma, ogni respiro è una pausa. Mi ha colpito quando alla fine hai scritto che ti sei liberato da un ossessione e sei ritornato te stesso... La linea tra l'amore forte e l'ossessione è così labile che a volte perdiamo noi stessi per le persone che amiamo.
  • alessandro cittadino il 18/09/2006 13:44
    si...è stato un perido al quanto brutto...
    per me si deve scrivere col cuore... altrimenti nn è piu poesia!!!
  • Anonimo il 18/09/2006 10:14
    quanto soffrire... mi ha lacerato. Sarà il periodo. Comunque è piena d'Amore. Scritta veramente con il cuore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0