PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fiuto ur-gente-mente Altro

Ormai vivo morendo a me stesso
fra la fame in malattie ipocrite di guerre morte

sopravvivo
a stento

la mia posizione sensibile sta diventando insostenibile

in un rifiuto totale di questo mondo
totalizzante

devastante
acida amara bile

la mia in-sofferenza rotale rispetto alla gioia divina crescente

è
senza limiti

d’espansione
solare
in val-vola
di sp-ur-go lunatico lì-quà-me

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Nenia Samael il 20/08/2010 00:41
    STUPENDA... mi ci rispecchio anche molto devo dire...
  • ANGELA VERARD0 il 26/08/2009 18:32
    crudamente bella
  • loretta margherita citarei il 26/08/2009 16:04
    fantastica cap
  • Anna G. Mormina il 26/08/2009 15:59
    "... la mia posizione sensibile sta diventando insostenibile..." , ... si ribellerà, denunciando al mondo intero,... facendo ciò che può... è 'forte' il suo contenuto, molto bella!!!!
  • Anonimo il 26/08/2009 15:14
    bellissima... malinconicamente ti avvolge
  • giancarlo milone il 26/08/2009 14:56
    triste descrizione di chi ha già visto troppo dolore per continuare ad accettarlo, complimenti
  • M. Vittoria De Nuccio il 26/08/2009 10:31
    ... devastante acida bile... è senza limiti d'espansione solare... stupenda nella sua "insofferenza"... Vincenzo. Un abbraccio.
  • giusi boccuni il 26/08/2009 09:50
    cerco il rispecchiamento...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0